Pagine Critiche

Clicca sul titolo per leggere la recensione.
 

• Indie Eye | Between Myth and Absence

 

Ugo Carpi scrive:

È uscito a giugno per la salentina Dodicilune l’esordio sulla lunga distanza dei veneti Leptons, formazione che dopo svariati anni di gestazione mette insieme questo Between myth and absence, album che in un certo senso riassume tutta la filosofia compositiva di Lorenzo Monni, musicista di origini cagliaritane e stanziato a Padova, voce, chitarra e produzione della band, laureato in Sound and Music Engineering e già nel contesto discografico indipendente grazie alla Lizard Records e con una serie di opere “non riconciliate” che tendono a delineare, come dice lo stesso Monni, un’idea di musica totale che il nostro non ama particolarmente confondere con i luoghi comuni che tendono alla definizione di “progressive”. Noi siamo d’accordo con lui, perché Between myth and absence è certamente un lavoro atipico nel panorama italiano musicale, anche quello più contaminato e che ha scelto lo sconfinamento tra generi come modus operandi. Sin dall’opener Back to oblivion si individuano elementi che dagli intarsi pop di matrice beatlesiana arrivano fino ai Field Music dei fratelli Brewis, band troppo spesso associata ad una rinascita fuori tempo massimo di alcune istanze “brit”, ma fortemente influenzata dalle strategie oblique di Eno e da tutta quella musica tra pop e jazz filtrata sicuramente da certe esperienze britanniche degli anni settanta, rilette alla luce di suoni più aspri e angolari, come quelli no wave della seconda metà dello stesso decennio. L’attenzione alle voci di Monni e soci è molto vicina ai contasti ricercati dalla band di Sunderland, ma si complica lungo il percorso individuando elementi condivisi con altre esperienze sonore in un ampio raggio di influenze incluse, giusto per stabilire due estremi, tra Robert Wyatt e le ultime prove di Steven Wilson. Le suggestioni sono quindi numerose e procedono dall’avant jazz strumentale di Absence II, passando per la scuola di Canterbury evocata in The King inside of me, il crocevia tra folk e armonie rinascimentali di In My hutch, e la sintesi pop di Silent, vicina allo stesso tempo agli ultimi King Crimson più Belew che Fripp, al Peter Hammill tra settanta e ottanta ma anche ad una versione più calda del Donald Fagen di Nightfly. Tutto questo senza rischiare eclettismo fine a se stesso, ma con un’idea centralissima di suono che ci consegna uno degli album più eccentrici e allo stesso tempo solidi prodotti in Italia negli ultimi anni.

 

• Sea of Tranquillity | Grey Swans of Extremistan

 

Jordan Blum writes:

Italian composer/multi-instrumentalist Lorenzo Monni manages something special on his third LP, Grey Swans of Extremistan; a very cohesive album full of diverse tracks. There’s a lot of experimentation too, which makes this a fascinating album worth investigating—each listen reveals new layers.

At 24, Monni has accomplished a lot. Besides having three solo albums under his belt, he’s involved in the duos Dunkelblau and Superio. In addition, he’s a student of electronic engineering. With an emphasis on emotion, technicality and surprises (you never know quite where the album is going), it’s clear that Monni really emphasizes craft over commerciality on Grey Swans.

The album opens with the haunting “Cascade.” Guitar arpeggios that seem to stem from Alejandro González Iñárritu films (21 Grams, Babel) form the backdrop of ominous progressive jazz (and odd sound effects). This unique mixture forms the basis of the album, and Monni takes listeners on symphonic voyages at every turn.

“Contrary Winds” emphasizes a bit of post-rock with hypnotic guitar lines over electronic mischief (which, to be fair, can get a bit annoying). And the synthesis of angelic mellowness and demonic heaviness on “Doggeral Of The Deep” is only the first time an similarity to Tubular Bells is felt (it’s felt even more with the last couple tracks).

The playfulness of “The Mysterious Cyclist of Cyclette” (it’s almost danceable) is the perfect antithesis to the somber nostalgic vibe of “Amarcord.” “The Art of Being Amazed” stays true to its name by essentially being a showcase of Monni to play some fast stuff, while “Mosquitoes Will Defeat FBI” is the most alien and avant-garde. The album closes with the foreboding, atmospheric “Zeitgeber” and “Once Upon A Time in Extremistan.” The two really feel like companion pieces, ending the album with a catastrophic tone.

Grey Swans of Extremistan is a brave album. It’s sometimes slow and often dissonant, but that’s what makes it appealing. The title implies some political commentary, and since life is a mixture of beauty and ugliness, Monni creates appropriately. No matter how you feel about it, you can’t deny its ambition.

 

• Progressor | Grey Swans of Extremistan

Prolusion. Italian composer and multi-instrumentalist Lorenzo MONNI only turns 25 this year if the biographical information on him is correct. And yet he’s already crafted and released three full-length albums, of which “Grey Swans of Extremistan” from 2010 is the most recent. Like his previous two efforts, it has been issued under a Creative Commons license, and besides being available as a CD this production is also available as a legally free download on the artist’s webpage.

Analysis. According to Monni, “Grey Swans of Extremistan” has been inspired by Nicholas Taleb’s book “Black Swan”, where the metaphor “Black Swan events” is used to describe events that are undirected and unpredicted. And it seems obvious that Monni wants his listeners to contemplate his album title in such a context, where the color grey, and the fictional place “Extremistan” points back to this inspiration. But apart from the conceptual nature of the album’s context, reflected in song titles the two different acts the songs are sorted under, this isn’t a regular concept album as such, first and foremost due to its purely instrumental nature. Contained in the more curious liner notes found on this CD is the statement that no synths were used while the songs were recorded. Most listeners, however, will find quite a few passages where it seems apparent that some form of keyboard or synthesizer is present. Apparently Monni opted to experiment instead, utilizing the guitar in rather creative manners as a substitute for tangents of various kinds as well as other instruments, which does result in a sound with a unique touch to it. Multiple layers of guitars are a constant feature; most commonly the main theme is supplied by acoustic or undistorted electric guitar, gently providing circulating patterns or swirling motifs, supported by a steady rhythm section where the bass guitar often appears to have the role of momentum provider. Drawn-out, droning, reverberating, echoing or tortured sounds add various details to the songs, from dissonant hooks contrasting with the main theme to subtle sounds adding variation and tension to the proceedings. World music-inspired details make the odd appearance now and then, quirky excursions with a slight King Crimson-ian touch have a natural home on this album, and those fond of jazz will also find a few elements here and details there on regular occasions. Most tracks at some point feature post-rock tendencies, perhaps a rather obvious observation that follows as a natural consequence due to the manner in which the guitar is utilized on this production. And for those who are familiar with this disc right now feeling a great desire to shout out that synths were used at least on the song Zeitgeber… they weren’t. But it is amazing what a creative mind can do with household appliances and some digital wizardry.

Conclusion. Lorenzo Monni’s third full-length production “Grey Swans of Extremistan” is a hard to define, instrumental art rock album of good quality and with quite a few inventive and creative twists to it. World music, post-rock and jazz fusion appear to form the outer boundaries in terms of stylistic expression; classical music and psychedelic rock might be appended to such a description as well. If instrumental art rock with quirky details, sophisticated features and a certain emphasis on showcasing the creative possibilities the guitar is capable of in the hands of an inventive mind sound intriguing this is a CD that should prove appealing. As it is downloadable for free from the artist’s website, head over there and find out for yourself.

 

• RockIT | Grey Swans of Extremistan

Disco liberamente ispirato all’opera di Nicholas Nassim Taleb, per questo sardo eclettico ricercatore del suono, dall’eterodossa quanto dotta carriera, con una manciata di buoni dischi alle spalle.

Sarebbe un’operazione aleatoria e in ultima analisi ingrata quella di de-finire il lavoro immateriale perimetrato all’interno di questo manifesto, veicolante una sorta di tensione alla musica totale, che ad orecchie facilone potrebbe risuonare come l’ennesima riproposizione dell’area prog – sebbene dei referenti forti sia possibile rinvenirli durante tutto l’ascolto, prodotto esuberante rispetto alla somma di elementi certi comeGong, Van Der Graaf Generator, Robert Fripp, nelle rispettive prima, quarta e settima traccia. Se non fosse che il disco risulta trasversalmente influenzato più o meno consapevolmente dal monolite post, pensando all’eterea reiteratività della seconda “Contrary Winds”, dove fa capolino una certa radianza psicotropa vicina al mood di Ulan Bator e Swans. Non sfugge neanche il sopraffino lavoro di post produzione, valore aggiunto, fatto di noise e sfumature diafane.

Certo, c’è anche del chitarrismo un po’ frusto e velleitario, come nella fusionaria “The Art of Being Amazed”, deriva esacerbata di certi ’80 – ma perdonabile, all’interno di un contesto di sicuro respiro internazionale.

E’ un disco colto, questo, un’eterna via di fuga, che ama flirtare con i tecnicismi esasperati, lasciandosi dietro a tratti molti preziosi conati di stomaco, e va detto. Ma ciò che è metatestuale, in questo lavoro, è la capacità del riso, dell’ironia inframezzata, che ribalta le premesse, distruggendo la scala che ha portato all’edificio. In ultima istanza, prerogativa più intelligente ed apprezzabile di un’opera d’arte. Non per tutti, qui fortuna e merito.

 

• NerdsAttack | Grey Swans of Extremistan

 

Oltre all’ascolto del disco, è stato divertente e interessante anche dare un’occhiata alla biografia di Lorenzo Monni. Dietro l’apparente supponenza e pienezza di sé ravvisata da alcuni, io credo si noti piuttosto una discreta vena ironica e, soprattutto, un amore smisurato per la musica. Il nostro nasce a Cagliari ma si trasferisce presto in Veneto, dove inizia a suonare, da solo e in collaborazione con diversi musicisti della zona dal background vario. ‘Grey Swans of Extremistan’ è la terza tappa del suo percorso solista, ed è un ottimo punto di arrivo. Magari non sarà quella “musica totale” cui ambisce Monni (soprattutto perché toccherebbe anche mettersi d’accordo su cosa ciò voglia dire), ma un disco vario, espressione di diversi riferimenti e ispirazioni e ispirato tout court, questo sicuramente sì. Nonostante la presenza di brani abbastanza eterogenei e diversi da loro, il disco mantiene una certa compattezza, anche grazie alla qualità della registrazione (non usuale per un disco auto-prodotto) e alla perizia del nostro. Si passa dalle melodie arabeggianti di ‘Amarcord’ e ‘Cascade’ (con un assolo finale alla Steve Hackett) alle morbidezze semi-acusticheeeeeeee di ‘The Art Of Being Amazed’, dove si può ben parlare di tendenze progressive (Camel, ad esempio), venate da sfumature jazzate, con cambi di accordi un po’ alla Weather Report. Tra aperture sbilenche alla ‘Lucy In The Sky With Diamonds’ (‘Mosquitos Will Defeat FBI’), filoni diamantiferi post-rock (‘Once Upon A Time In Extremistan’ – Tortoise docet), momenti più sperimentali in direzione rumorista (‘Zeitgeber’) e fughe spiccatamente rock (‘The Mysterious Cyclist Of Cyclette’), Monni dimostra ascolti onnivori cui fa riferimento senza pudori e con la consapevolezza di averli filtrati attraverso il proprio orecchio. Per quanto sia evidente qua e là una certa incontinenza e qualche tendenza a strafare, questo giovane chitarrista di 24 anni ha già raggiunto un ottimo livello e gli si perdona facilmente qualche peccato passionale. A proposito, ho visto che la sezione dedicata alle recensioni dei critici sul suo sito porta il titolo “Seghe mentali dei critici”: una sega mentale piacevole, devo dire. [****]

 

• Arlequins | Grey Swans of Extremistan

 

Dopo l’ottimo “Debris”, lavoro autoprodotto assai ricco di inventiva, Lorenzo Monni ha finalmente avuto un pieno supporto discografico e produttivo da parte di una etichetta discografica esperta e coraggiosa come la Lizard, attraverso la sua nuova side-label più sperimentale, la Zeit Interference, scelta quantomai azzeccata vista la totale particolarità della proposta musicale di Monni. Sin dal suo esordio di pochi anni fa, “Death of A Future Man”, Lorenzo Monni si era già distinto per un approccio niente affatto ortodosso, un modo di intendere e fare la musica che è stato confermato da un disco enigmatico, ambizioso ed eclettico come “Debris”, lavoro in cui si evidenziavano le sue aspirazioni più avanguardistiche e “sinfoniche”, con un largo utilizzo dell’elettronica ed una tendenza alle ambientazioni più oscure ed esotiche. Musicista inquieto e fuori dagli schemi, Lorenzo Monni con il suo terzo disco prende relativamente le distanze da “Debris” e rinuncia del tutto all’utilizzo di tastiere e synths per dedicarsi unicamente alla chitarra: “Grey Swans of Extremistan” in misura diversa rispetto a “Debris” diventa uno dei dischi più strani che mi sia capitato d’ascoltare negli ultimi mesi… Non più strettamente il frutto di un singolo musicista, la musica di Lorenzo Monni questa volta è sostenuta da un abile sezione ritmica, costituita dalla batteria di Luca Visentin e Fabio Ricci, Luca Visentin fra l’altro ha anche affiancato direttamente Lorenzo Monni alla produzione; lasciate dunque indietro le sonorità delle tastiere, “Grey Swans of Extremistan” ha un suono più aggressivo ed ostico, specialmente nei momenti in cui Monni si diletta alla sperimentazione più selvaggia con largo uso di effetti per le chitarre… Ovviamente si percepisce ampiamente l’influenza di Robert Fripp, come ci sono anche delle similitudini con gli ultimi Miriodor, però si possono anche ascoltare delle interessanti aperture psichedeliche vagamente vintage come accade in “The Art of Being Amazed”, pezzo dalla struttura piuttosto intricata ed intriso di uno strano senso di malinconia. Nel complesso “Grey Swans” è un disco forse più omogeneo di “Debris”, senza eccessivi salti stilistici da un brano all’altro, quasi del tutto privo della dimensione “sinfonica” che aveva caratterizzato parte le precedenti composizioni e più orientato verso un’estetica jazz. Rimane invece invariata l’attenzione verso le sonorità etniche ed esotiche, come possiamo ascoltare nell’iniziale “Cascade”, bell’esempio di ispirazione crimsoniana non banale; spesso gli accordi e gli arpeggi di chitarra alternano le dissonanze più ruvide e criptiche con passaggi melodici estremamente raffinati e delicati. Forse ci sarebbe ancora da limare qualche eccesso grottesco di troppo come in “Mosquitos Will Defeat FBI”, alla lunga leggermente tedioso come anche “The Mysterious Cyclist of Cyclette”, mentre ho trovatto estremamente interessanti le sortite più rumoriste ed elettroniche, come avviene nell’incubo cosmico di “Zeitgeber”. Da notare come l’intero disco sia ispirato al libro di Nassim Nicholas Taleb, “Il Cigno Nero”, studio sull’improbabilità che determina la storia e le nostre esistenze, gli eventi rari ed assolutamente imprevedibili (secondo Taleb) che influenzano il corso del mondo… Monni ha decisamente trovato il concept ideale per la sua musica… un’altro passo verso la maturità, “Grey Swans of Extremistan” è un disco che pur con le sue piccole imperfezioni si inscerisce fra le uscite più interessanti di questo 2010.

• Storiadellamusica | Debris

Recensione a cura di Roberto Maniglio.

Tra tante pretese di internazionalità e globalizzazione che stanno percorrendo l’Italia in ambito musicale (e non solo) in questi ultimi anni, con risultati abbastanza eterogenei, uno tra i più titolati a ricoprire il ruolo di futuro timoniere di una musica più internazionale è senz’altro Lorenzo Monni.

Sardo di nascita, veneto di adozione, polistrumentista, autore a soli 23 anni già di due album entrambi autoprodotti, il primo dei quali, “Death Of Future Man”, risale al 2007.

Sorprende la maturità compositiva di questo ragazzo dell’86. La sua musica è di difficile impatto anche per i più “indie” tra gli “italian kids”. Perché non si tratta del solito electro-pop, bensì di una produzione cameristica d’avanguardia di alto livello professionale.

“Debris”, datato 2009, è la seconda opera di Lorenzo Monni. Il disco si apre in maniera spettrale, per poi diventare gotico, annichilirsi e rinascere, con un crescendo finale come nel migliore post-rock. La chitarra elettrica è sempre in primo piano, costruisce assoli, ricama melodie, svela scenari ritmici nascosti, inventa paesaggi sonori.

Melodie trasognate si innestano a ritmi caraibici (“I Met The Craftsman”), carillon (“Ciel Brouille”), accenni nu-metal (“Dislove”), musica classica per orchestra (“Mont Saint Michel”), lievi sfumaturejazz (“Ciel Brouille”), jam-sessions (“Embrace”), atmosfere pastorali (“The Dawn Of The Young Dolls”), derive ambient o post-rock (“Gone”), puro virtuosismo (“Naked Dialogues”) o potenza (“Rhom Antic” e “Dislove), trame talvolta ariose (“Mont Saint Michel”), leziose (“Shapeless”), o spettrali (“Embrace”, “The Big Laugh” e “Gone”).

Ma ogni brano ha una storia a sé, connotato da una sostanziale variegatura. Ed ognuno risulta a suo modo piacevole e irresistibile, sebbene per ragioni diverse. Ma chi vi scrive non può trattenersi dal segnalare in particolare “The Dawn Of The Young Dolls”, con il suo sapore medioevale di folk celtico, all’inizio malinconica e con un crescendo finale di assoli di chitarra elettrica, e “Mont Saint Michel” con il suo sapore gotico, all’inizio solenne per poi evolvere in musica sinfonica per orchestra, con un crescendo finale in stile post-rock.

In conclusione, questo “Debris” è un’opera di spessore, criptica, ma non ermetica; gotica, ma non claustrofobica. Un’opera notevole, certamente complessa, che necessita di molti ascolti per essere pienamente digerita, ma che non finisce mai di sorprendere e di spingere ad ulteriori ascolti.

• Bluesbunny | Debris

Lorenzo Monni is a young Italian musician and “Debris” is only his second album but there is much to commend here. Whilst this Bluesbunny is not known for his fondness for instrumental music, this album proved to be a very pleasant surprise.

The interesting thing about this album was that unlike so many other artists doing things instrumental, the songs were built on variation rather than repetition. By that I mean that the songs were more reminiscent of free form jazz rather than ambient electronica but with a definite structure and progression on show. When you listen to one of Lorenzo Monni’s songs, you know that it is going somewhere rather than just being locked in a loop of  artistic self indulgence.  Instead of self indulgence, there is a sense of invention that pervades the entire album from “Embrace” – a song that echoes the pseudo jazz warbling of Jess Franco – through the neo prog-rock feel of “The Dawn of the Young Dolls” to the menacing yet hypnotic “Gone”.

This is certainly a successful instrumental album. The easy route of laying overlaying sample upon sample upon synthetic beats has been avoided here and the end result is far from sterile. The overall feel is of a musician trying to convey emotion rather than create a mood (and that surely is the point of all good music). Enjoyable and interesting, this collection of songs bodes well for the career of MrMonni and I, for one, will be watching his progression as a musician with interest.

• Ondarock | Debris

di Marco Sgrignoli. 

Il progressive, anche nei suoi più alti vertici, è spesso stato musica categorica in fatto di sensazioni evocate. L’artista era libero di spaziare con la fantasia, l’ascoltatore molto meno: il mood dei pezzi era sapientemente determinato a monte, per epico, decadente o fiabesco che potesse essere.Delle undici tracce di “Debris” colpisce invece questo: non impongono emozioni preordinate. Per quanto minuziosamente strutturate, restano aperte a percorsi sempre nuovi. Butterfly effect portato in musica: un battito d’ali di differenza e cambia il sentiero imboccato. Si invertono i rapporti, la luce diventa ombra; oppure tutto resta lo stesso, tranne per qualche dettaglio. Rovesciamento o doppelgänger? Non c’è modo di prevederlo.
L’immagine adatta per “Debris” è il labirinto, quello di Borges: un universo di androni sotterranei, colonne, fregi che ancora portano la memoria degli antichi fasti. Perdersi nell’infinità potenziale delle sue connessioni.È raro trovare in un album a suo modo “pop” una simile profondità di suono. “Iperproduzione” la chiamerebbe qualcuno, ma non renderebbe onore alla pienezza tridimensionale di queste stratificazioni strumentali. No, non è la classica ridondanza di chi non sa definire un’idea con pochi strumenti; è un affresco trecentesco, un dipinto di Brueghel: il fascino sta nella sua ricchezza, in quelle surreali compresenze che sarebbero bandite dal dogma prospettico. Ci si trova di tutto in “Debris”, ma è difficile discernerne gli elementi, perché ognuno di essi si porta in evidenza solo in relazione a qualcun altro. Così si sposano elettronica (tanta, tantissima, anche dove non sembra), lacerazionifrippiane, un costante spaesamento sinfonico, echi di mellotron e Pink Floyd post-psichedelici. Debussy, percussionismo stravinskiano e una tensione strisciante, capace di tenere sempre in bilico, a un passo da quella magniloquenza che è sempre, miracolosamente, evitata.“Debris” è l’opera seconda del giovane polistrumentista Lorenzo Monni ed è disponibile in downloadgratuito sul suo sito, indicato in testa alla recensione. L’album paga la sua complessità nel risultare di difficile presa su chi cerchi lo sbalordimento immediato, l’espediente mai sentito prima, la melodia che si pianta in testa e intima: “riascoltami”. Eppure, ai chi abbia più pazienza non cesserà di svelarsi nella sua lunare poliedricità.(09/03/2008)

• Kathodik | Debris

 

Lorenzo Monni è, da quanto risulta dalla biografia, una sorta di enfant prodige. All’età di 23 anni arriva già alla seconda prova sulla lunga distanza, dopo “Death Of A Future Man” del 2007, con un lavoro (che potete scaricare gratuitamente dal sito ufficiale del ragazzo, trovate il link in coda alla recensione) dalla notevole complessità e dalle mille sfaccettature. Progressive, kraut, musica classica e molto altro si mescolano nel disco del cagliaritano, creando un percorso di non semplice accessibilità.
Apre il disco il turpe contrabbasso di Embrace, un componimento arioso e potentemente oscuro, che richiama atmosfere quasi ligetiane. Un tocco di carillon schiude invece Ciel Brouille, nella quale il nostro campiona addirittura la voce di Gaber in Polli d’Allevamento, Situazione Donna, accelerando il ritmo e trasfigurandosi in una sinistra nenia psichedelica e acida con finale ambientale. Percussioni afro ci accolgono in I Met The Craftsmen e accompagnano tutto il componimento, tra sibili lontani e un basso ossessivo che ci riporta in territori canterburiani. The Big Laugh si apre come un sottilissimo alito elettronico, ispessendosi pian piano tra tocchi cristallini e pennellate di piano che danno un senso di spaesamento claustrofobico: un incubo incombente, da horror anni ’70, che affoga in un loop liquido e mutante. The Dawn Of The Young Dolls è un componimento chitarristico barocco, come se Bach si fosse messo in testa di scrivere qualcosa per chitarra elettrica; ma a metà tutto va alla deriva, in un gorgoglio instabile e frastornante. Naked Dialogues non è niente di più che un virtuosismo chitarristico, mentre Mont Saint – Michel torna alla solenne orchestralità della traccia d’apertura, pomposa e magniloquente in apertura, per poi frantumarsi nel cupo campionamento di un coro di un monastero benedettino, tra fiati glaciali e droni elettronici ossessionanti. Shapeless è un vagito dark – ambientale teso e sbiadito al tempo stesso.Dislove è hard – rock ingurgitato dal kraut più nero e apocalittico. Si giunge quindi a Rhom Antic, instabile e destabilizzante girotondo elettronico che allega spintonate rockeggianti in un grigiore inesprimibile. Il lungo percorso del Monni si chiude con Gone, lunga deriva ambientale tra echi lirici appena accennati.
Un disco maestosamente criptico, debordante come una valanga di pece nera che travolge e sconvolge. Un lavoro dal sapore antico ma tremendamente moderno, che spinge in mille direzioni regalando infinite chiavi di lettura. Pur con qualche sbavatura, un album che ci fa gridare al miracolo: ma se a 23 anni questo ragazzo riesce già ad emozionarci così, cosa potrà fare crescendo? Speriamo non perda la strada che ha già imboccato proficuamente.

• Rock-impressions | Debris

Lorenzo Monni è un polistrumentista e “Debris”, disponibile su internet nel suo sito in download gratuito, è il secondo album della carriera. Undici brani per la durata di quasi un ora di musica. L’artista si addentra in suoni e melodie ricercate, uno sforzo compositivo altamente introspettivo. La musica ed il suono vanno a braccetto e si svelano all’ascolto in maniera totale. Lo aiuta l’elettronica, il Mellotron ed altri strumenti classici, in questo percorso “schizzato”, molto vicino al mondo di Fripp (King Crimson), che non disdegna neppure passaggi lisergici stile Pink Floyd.

Progressive d’avanguardia, lacerazioni sonore che squarciano la mente, come in “Ciel Brouille”. C’è un alternarsi di emozioni, tra l’essere coccolati e lo stupore. Se conoscete i Porcupine Tree, quelli che improvvisano in stile “Metanoia”, in “I Met The Craftsman” ne avrete una bella copia. Il pianetaMonni sembra non essere tangibile, malgrado l’ascolto porti alla memoria molti colori, i suoni a volte sono lontani, impalpabili, per poi caderci addosso lentamente ed inesorabilmente, “The Big Laugh” è l’esempio. Per comprendere bene il suono che scaturisce da “Debris”, bisogna lasciarsi andare, chiudere gli occhi ed ascoltarlo in cuffia, vedrete che “The Dawn Of The Young Dolls” vi porterà lontano. Ci sono anche passaggi acustici, che in verità spezzano l’ascolto, come si dice in gergo, lasciano riposare l’orecchio, come in “Naked Dialogues”. Per il resto, molta elettronica e sperimentazione. Ritengo la conclusiva “Gone”, uno dei punti più alti del disco, spaziosa ed elegante, una nenia che trasporta ed incanta. Questo in definitiva è un viaggio in un mondo sonoro parallelo alla norma, adatto solamente a chi è psicologicamente e “culturalmente” pronto ad intraprenderlo. Capisco che molti possano trovare “Debris” un disco alquanto ostico.

Quante volte abbiamo detto e letto che il Progressive Rock è musica per la mente, non è solo barocchismo e sinfonie, ma un puzzle sonoro composto da migliaia di tasselli, uno di questi è Lorenzo Monni. MS

• Progarchives | Death of future men

Lorenzo Monni is a young Italian artist who lives in San Donà di Piave, a small town near Venice. He is a multi instrumentist with a classical background and his aim is to blend classical influences with rock and electronic music. In 2007 he released his first album “Death Of Future Men”, self produced, where he proved to be a brilliant and original composer. It is a completely instrumental work and it should be of interest for fans of Franco Battiato, Goblin, King Crimson, Pink Floyd…

The opener “Dust” is excellent. There’s a strong classical symphonic feeling and a peculiar exotic flavour on this track. In my opinion it gets along very well with the art cover and it could be a perfect soundtrack for a video based on Pierre Benoit’s beautiful novel “L’Atlantide” (translated in English as “The Queen Of Atlantis”)… Dust, sand, water, a forgotten oasis in the Sahara, mysterious and dangerous women, adventure, the myth of the lost continent Atlantis that comes true and appears like a mirage where love, dreams and nightmares are mixed up together…

Next tracks “Visions”, “Last Touch” and “Humans Against Alien-Cats” every now and again could slightly remind of some works of Pink Floyd or Alan Parsons Project, but there’s no plagiarism at all and all you have to do is close your eyes and let the music stir your emotions and set your imagination free… Then comes “Anatomy Of Water Phobia” that could mirror the atmosphere of some Dario Argento’s films featuring Goblin soundtracks and that is my favourite track on this album along with the opener. Next piece “Viale Notturno” has a dark and crepuscular feeling, while the last track begins with a classical guitar intro leading to another musical journey in exotic territories… A very nice finale for a very interesting good album!

The album has been released under Creative Commons Licence and it can be legally downloaded for free from the official website of the artist. Have a try, I’m sure you won’t waste your time!

• Progarchives | Debris

“Debris” is the second album released by Italian composer and multi instrumentist Lorenzo Monni. It’s an interesting blend of rock, electronic and classical music. Perhaps it’s a little bit difficult to appreciate this work on the very first listening but if you like the complex “soundscapes” of Robert Fripp, the unconventional and challenging ethno-folk of bands like Oregon or the scary atmospheres of bands like Goblin I’m sure you’ll find it pretty good. The album is completely instrumental and the sound quality is good, even if it’s a self produced work. There are less melodic and symphonic passages than on Lorenzo Monni’s previous album “Death Of Future Men”, but don’t worry the result is not pure avant-garde or concrete music and you’ll find here some very good musical ideas…

In my opinion the highlights are the mysterious and exotic “I Met The Craftsman”, the hypnotic “The Dawn Of The Young Dolls” (almost baroque with an Eastern flavour), the acoustic, delicate and dreamy “Naked Dialogues”, the solemn and mystic “Mont Saint-Michel (featuring church like organ and a sampled monks choir) and the long and haunting “Gone”. Nonetheless the other tracks are also worth listen to, like the bizarre “Ciel Brouille” (featuring in the background the sampled voice of the Italian singer song-writer Giorgio Gaber), the opener “Embrace” or the dark and creepy “Shapeless”…

“Debris”, like its predecessor “Death Of Future Men”, has been released under Creative Commons Licence and can be legally downloaded for free from the official website of the artist. Have a try!

• Blow up (errori di scrittura annessi) | LORENZO MANNI – Debris

 

“Tecnicamente destro e fantasioso, Lorenzo Manni, bontà pure della tecnologia digitale, s’inventa una orchestra e porta a compimento un lavoro che se s’intitola “macerie” è tutt’altro che residuale e detritico in termini di struttura compositiva. Nel complesso il disegno architettonico è coinvolgente e l’esplorazione di questi edifici fantastici regala momenti di vertigine sensoriale. Il flyer parla di influenze quali la psichedelia, il kraut rock, l’etnica evoluta (Eno e Gabriel), il progressive. Noi aggiungeremmo, ampliando l’ultimo riferimento il sinfonismo in opposition di Art Zoyd e Univers Zero (Embrice, ciel brouille, the big laugh), che ci sembra meglio facciano intuire il mood e le atmosfere di questa orchestra-individuo. Le cose, francamente, funzionano meglio dove gli arrangiamenti si basano su sonorità (prevalentemente) acustiche: la ritmica etnica e la chitarra di I meet the craftsman. Convincono meno certe magniloquenze dark nella seconda parte del disco o l’imbizzarrirsi della chitarra elettrica in Rhom Antic.” di Dionisio Capuano, numero luglio-agosto 2008.

• Arlequins | Debris

 

Avevamo lasciato la prima uscita solista di questo giovane tastierista cagliaritano, “Death Of Future Man”, con l’impressione di aver ascoltato il frutto di un’artista talentuoso dotato di buona personalità e non troppo legato a stereotipi ormai un po’ vetusti. Il tempo di fare esperienza con altre realtà musicali, fra le quali il duo elettronico Dunkelblau e la collaborazione con il cantautore Andrea Liuzza,Lorenzo Monni pubblica il suo secondo disco “Debris” e ci offre una serie di brani impegnativi e piuttosto sorprendenti, sotto una veste decisamente più austera e cameristica: “Debris” è un lavoro ombroso e tormentato, meno brioso di Death of Future Man, sicuramente più criptico nella forma seppur non privo di spunti melodici di grande presa. Dedicato alla memoria di Giorgio Gaber e Fabrizio De Andrè, forse le ultime due grandi figure anarchiche del nostro paese e probabilmente gli ultimi artisti della vecchia generazione che ancora avevo qualcosa di profondo da dire, “Debris” sembra cogliere nella sua musica l’enorme senso di disagio e malessere diffuso in tutta la penisola, un malessere spesso determinato e manovrato con abilità dai poteri forti dello Stato. Fortunatamente, le macerie contenute nel disco di Monni sono macerie di pregevole fattura, seppur dalla forma spesso grottesca ed inquietante. Pensiamo ad un brano come “Ciel Brouille”, in cui si fondono sonorità mediterranee, melodie da carillion (con la voce di lontana di Gaber come sottofondo), intromissioni elettroniche ed una penetrante chitarra elettrica a la Robert Fripp; ancora, in “Big Laugh” un soundscape minimale introduce un raga-country elettronico nervoso dai toni poco rassicuranti, non lontano da certe cose di David Torn. In “The Dawn of the Young Dolls” si evidenzia un’atmosfera decadente e crepuscolare, nonché un ritorno ad un sinfonismo che si ricollega in parte al primo lavoro di Monni. Passato il curioso e riuscito minimal-folk psichedelico di “Naked Dialouges”, punto di incontro con le recenti tendenze alternative della nuova ondata folk revival anglosassone, arriva una drammatica e tetra “Mont Saint Michel”, composizione sinfonica di grande suggestione gotico-cinematografica che addirittura avvicina sensibilmente Monni verso certe sonorità ed atmosfere care agli Art Zoyd (certe similitudini r.i.o. mi sembra comunque di percepirle anche in altri brani…). Sono quasi due settimane che sto ascoltando quasi ininterrottamente questo disco, posso dire che Debris è diventato ormai una piacevole ossessione: Lorenzo Monni non è ancora giunto a realizzare il suo capolavoro però con qualche giusto accorgimento potrebbe andarci presto molto vicino.
“Debris” è ordinabile direttamente attraverso il suo sito da cui è possibile anche scaricare liberamente i brani del disco.

• MOVIMENTI PROG | Debris

Recensito da Giovanni Turco

Sminuzzando la musica…

Il secondo lavoro di Monni presenta molte sfaccettature interessanti che cattureranno l’attenzione dei musicofili con la mente più aperta alla sperimentazione.
Monni scompone la trama musicale in un caleidoscopico fascio di luce il cui “spettro” è costituito da molteplici influenze tutte nettamente distinguibili e provenienti da vari universi musicali, quali la classica contemporanea, il rock progressivo ed una spruzzatina di metal, il tutto condito da campionamenti di varia natura.
Il musicista sardo ha nelle proprie corde le sonorità care a Stockhausen, per quanto riguarda la musica colta contemporanea, mentre fa l’occhiolino ai King Crimson più sperimentali così come al Fripp più alchimista per quanto concerne la musica leggera, ma non per questo più easy listening, sono distinguibili anche accenni allo sperimentatore folle canadese Devin Townsend e qualcosa di Cage e di musica minimale.
Composizioni tortuose, apparentemente prive di senso, che talvolta fungono da denunzia del vorticoso vivere del mondo moderno, un taglia ed incolla simbolo di un sezionamento della realtà moderna sotto un microscopio che ne analizza attentamente i vizi e le virtù.
Nonostante la giovane età, Monni merita, proprio per la soprendente maturità artistica contrapposta a quella anagrafica (è del 1986), la nostra attenzione ed il suo lavoro di alchimista sonoro merita di essere seguito da quanti apprezzano le novità difficilmente etichettabili. Solo per i più coraggiosi.

• Rockit | Debris

 

Lorenzo Monni è un giovane artista che costruisce suoni complicati e ardimentosi alla pari di un maestro avanguardista. Melodie cupe e intriganti come colonne sonore di film noir, tensioni ossessive da cinematografia horror, che non hanno mai una direzione ben precisa ma intraprendono le più svariate strade della sperimentazione. L’architettura che ne esce fuori è complessa e superba: momenti colti addolciti da pezzi di carillon sbattono contro tormenti kraut e di acido hard rock. La tensione spettrale e l’atmosfera decadente sono personaggi fissi del singolare spettacolo. E poi inserti tribali e di tradizione celtica, semplicità acustiche, introduzioni folk divorate da battiti inquietanti e frullati di strumenti frenetici, intro apolcalittici: free rock con troppe parentesi. L’eccessiva divagazione, infatti, non rende percepibile l’intento dell’autore. Magari prossimamente, qualcosa di meno astratto e indefinito potrebbe davvero far risaltare la sua bravura in pieno.

• Sentireascoltare | Debris

 

Incontrammo Lorenzo Monni sulle pagine di SentireAscoltare appena un anno fa. Allora, ai tempi di Death Of A Future Man, definimmo progressive la musica del Nostro, in virtù di una prima opera complessa, stratificata, retta su classicismi e frequenti cambi d’atmosfera, accenni free e dialoghi mutevoli. Con le undici tracce di Debris le cose cambiano, se è vero che rispetto al passato tutto sembra suonare decisamente più quadrato, sempre nell’ottica di una musica che rimane totale e di strumentali che non si accontentano di citare ma approfondiscono invece tutte le declinazioni del suono. Se le inquietudini di The Big Laugh citano il krautrock tedesco per poi fondersi in un assolo di chitarra finale scuola Pink Floyd, Embrace sa di jazz elettrico la Miles Davis, I Met The Craftsman mescola dilatazioni temporali e percussioni afro,The Dawn Of The Young Dolls parte come una melodia medievaleggiante per poi scivolare in una suite psichedelica. E’ lo stesso Monni ad occuparsi a parte qualche rara eccezione di tutti gli strumenti, dimostrando, oltre a buone doti tecniche, come non gli manchino anche coraggio e ispirazione

• Arlequins | Death of future men

 

L’immagine inquietante di un’apocalisse appena avvenuta è davvero l’ideale per rappresentare l’esordio di questo ventunenne tastierista cagliaritano, Lorenzo Monni, appassionato cultore della commistione fra musica classica e musica moderna ed elettronica. Il titolo del disco, “Death of Future Men” esprime bene le sensazioni di un ragazzo di fronte alle tremende insicurezze che caratterizzano il mondo contemporaneo e gli otto brani composti rispecchiano di conseguenza una notevole inquietudine, una tensione musiale che evita però di lasciarsi andare verso la disperazione dark o nel melodramma… Autore ed esecutore di tutte le musiche presenti in questo disco, Monni sembra avere proprio la stoffa del vero compositore, in equilibrio fra tre diverse scelte stilistiche: la tradizione orchestrale-sinfonica, la musica elettronica ed una non troppo velata attitudine rock che si evidenzia specialmente nella sezione ritmica. Per essere un’opera d’esordio ed autoprodotta, non priva di comprensibili difetti strutturali ed ingenuità, “Death of Future Men” si fa ascoltare piuttosto ben volentieri, inoltre il coraggio e la volontà di pubblicare musica così ambiziosa e relativamente “difficile” rende sicuramente onore a Monni. Il momento più classico del cd è l’iniziale overture Dust, incalzante sinfonia di otto minuti strutturata attraverso un chiaroscuro musicale che rappresenta la cifra stilistica dell’intero disco. All’opposto, l’aspetto prettamente rock della personalità di Monni si percepisce in “Visions”, pezzo psichedelico in cui entra in gioco anche la chitarra elettrica: le tastiere in questo brano mettono da parte ogni caratteristica neoclassica per abbandonarsi in loops futuristi ed atmosfere vagamente vintage anni settanta; molto intrigante l’improvvisazione cosmica a chiusura del brano… In effetti sembra proprio di percepire in diversi momenti l’influenza della scena teutonica anni settanta: sarà solo una mia impressione ma gli arpeggi di chitarra in “Last Touch” mi fanno venire in mente certe cose degli Amon Duul II…
Probabilmente il capolavoro di questo disco rimane la suite sinfonica in due parti “Viale Notturno”, ovvero il momento più oscuro e complesso di “Death of Future Men” (specialmente nella seconda parte della suite) ma anche forse il suo momento più raffinato e stimolante dal punto di vista melodico. In alcuni momenti invece non è troppo convincente la sezione ritmica digitale, l’introduzione di vere e proprie percussioni non darebbe dare certo fastidio… Fortunatamente le sonorità di “Death of Future Men” sono sempre piuttosto elaborate e riescono a dare all’opera anche un minimo di godibilità nei suoi momenti meno riusciti, specialmente dove si avverte un pochino di indecisione in fase di arrangiamento. In definitiva LorenzoMonni è dunque un’artista da incoraggiare e seguire vivamente, con attenzione… E’ da notare inoltre che “Death of Future Men” è pubblicato con licenza Creative Commons, quindi l’intero disco è disponibile gratuitamente dal sito www.lorenzomonni.com. di Giovanni Carta.

• Sentireascoltare | Death of future men

 

di Fabrizio Zampighi

Se è vero che da queste parti si tira avanti a pane e psichedelia, è anche vero che quando ci si trova ad avere a che fare con il fratello “serioso” del genere in questione, il prog, si viene colti regolarmente da delirium tremens con tanto di visioni orrorifiche alla Edgar Allan Poe. Uno sfogo epidermico incontrollabile cui dobbiamo mestamente sottostare, addolcito da qualche eccezione isolata – i primi King Crimson – ma generalmente virulento al pari della peste bubbonica. Questione di gusti, certo, i nostri legati ad un’idea di musica che a fatica contempla i tecnicismi fini a se stessi e le cacofonie stordenti, quelli del qui presente LorenzoMonni – suo malgrado rappresentante delle derive musicali di cui si diceva – catturati invece da una variegata sovrastruttura fatta di suoni potenti e percorsi fortemente diversificati, strumentali in moto perpetuo e intrecci di tastiera, frequenti cambi di ritmo e melodie cerebrali. Un’ attitudine alla costruzione complessa che trova uno sbocco naturale nelle descrizioni pianoforte e archi di Dust, nelle chitarre alla David Gilmour di Visions, nei classicismi e gli accenni free di Humans Against Alien-Cats, nei dialoghi prolissi dei quattordici minuti totali diViale Notturno parte I e parte II. Limitarci, tuttavia, a filosofeggiare sul disco trattandolo come l’ultimo successo di Toto Cutugno soltanto perché non corrisponde ai nostri standard di ascolto ci parrebbe quantomeno un delitto, considerato anche il fatto che dietro allo spumeggiare dei toni debordanti e la ricchezza formale di questo Death Of Future Men, si nasconde un polistrumentista capace. Per questo vi invitiamo a prendere contatto con la musica del titolare del progetto sul sito ufficiale (il disco è in download gratuito): potreste risvegliare passioni che credevate sopite.

• Blog di Ruckert | Death of future men

 

Internet rappresenta per la musica un’innovazione rivoluzionaria sotto numerosi profili. Sono ben note a tutti le possibilità di conoscenze e di approfondimento – specialmente in campo musicale – consentite da questo strumento, dalle tonnellate di informazioni, alla possibilità del peer to peer, fino ai social network tematici come Last Fm. L’avvento e la rivoluzione della rete rappresenta perciò un opportunità enorme per i fruitori della musica. D’altra parte altrettanto grandi scenari di nuove possibilità distributive sono possibili anche per musicisti stessi, che possono affacciarsi liberamente sul mondo bypassando le case discografiche, sempre più in crisi anche di identità, anche per la loro incapacità di mettersi al passo coi tempi e consentire lacrescita di musicisti nuovi. Sotto questo aspetto comunque il valore libertario che la rete ci sta mostrando appare sicuramente il più interessante, contenendo in sé i germi di possibili espansioni e sfoghi per la creatività individuale. Il disco che intendo segnalarvi oggi è un esempio di questo nuovo atteggiamento. Ideato, composto e realizzato dal poco più che ventenne Lorenzo Monni, “Death of Future Men” è infatti da alcune settimane liberamente disponibile per il download sul sito del musicista con la sola protezione della licenza licenza creative commons. Allo stesso tempo l’album è disponibile sulle diverse varie reti p2p ed alcune tracce sono interamente ascoltabili su Lastfm, Vitaminic e mycompositions, oltre all’ormai immancabile myspace. Mille strade alternative per affacciarsi sul mondo e far conoscere le proprie idee musicali. Una via nuova affascinante, anche se non priva di ostacoli, rappresentati nella gran parte dei casi dalla povertà dei mezzi realizzativi a disposizione, cui è possibile ovviare parzialmente con tanta passione e idee. E passione e idee – accanto purtroppo alla povertà dei mezzi – sembrano essere gli elementi principali di questo album,  che si caratterizza prevalentemente per ambientazioni elettroniche e tappeti ritmici su cui si affacciano non raramente incursioni di chitarra elettrica. Arrangiamenti densi, atmosfere differenti e l’impressione che Monni abbia una solida cultura musicale, che spazia con disinvoltura dal rock, alla classica, fino a sperimentazioni elettroniche. Fatto che onestamente impressiona data la sua giovane età. I brani che compongono il disco evidenziano la presenza di spunti più che interessanti, ancorché non continui. Ciò si deve probabilmente alla necessità dimetabolizzare meglio tutte le numorese idee musicali del lavoro, insieme all’esigenza di curare maggiormente l’aspetto produttivo. Infatti la produzione “digitale” e “casalinga” durante l’ascolto toglie un po’ di respiro al tutto. Si prenda ad esempio “Humans Against Alien Cats” o l’incipit di “Viale Notturno (part I)”, tracce che nonostante le intenzioni non riescono a decollare del tutto, pur mettendo in mostra alcune ambientazioni cupe, opache che ben promettono. Discorso differente per il brano dal titolo “Last Touch” che da un inizio scarno e ben archittetato con la chitarra acustica si evolve attraverso un arricchimento musicale di basso, chitarra elettrica e tastiere che ben accompagna l’ascoltatore. L’iniziale “Visions” invece si caratterizza per una sorta di ossimoro dato coniuga un minimalismo quasi solenne tratteggiato dagli archi. Questo in seguito riesce però a contrapporsi con una spaziale atmosfera rock, senza che il passaggio dall’uno all’altro momento appaia innaturale. Tenuto conto della giovane età, dei mezzi a disposizione è difficile non elogiare il fatto che Lorenzo si sia messo in gioco senza timore alcuno. Bisogna dunque riconoscere a questo giovane musicista di aver messo in questo progetto un entusiasmo più che genuino insieme a una dose di coraggio che fa ben sperare sui suoi prossimi lavori, per i quali ci auguriamo che possa avere maggiore supporto tecnico. Le idee non mancano.

• Intervista della gazzetta Pirata: (2007)

Questo mese come fatto già in passato, accogliamo nella nostra redazione un nuovo amico, un artista in questo caso, musicista alle prime armi, che ha deciso di autoprodursi creando questo cd contenente la sua musica e di cui vi riportiamo un’intervista completa:

1) Chi e’ Lorenzo Monni e come nasce la sua passione per la musica?
Sono un giovane studente universitario del Veneto orientale, e chitarrista con una smodata passione per la musica, passione che è sicuramente radicata nella mia infanzia, quando iniziai ad ascoltare i dischi di musica classica di mio padre, così per curiosità.

2) Hai un artista di riferimento a cui ti ispiri o che, comunque, ha in qualche maniera influenzato il tuo stile?
Oddio, molti, troppi forse. Credo che si avverta anche un po’ questa eterogeneità nella mia musica. Però quattro nomi certi posso dirli: Igor Stravisnky, Radiohead, Pink floyd, Ennio Morricone.

3) A quale tipo di pubblico si rivolge la tua opera? Hai in mente un target preciso o pensi che possa essere, per cosi dire, trasversale?
A dire il vero spero con tutto il cuore di poter avere più fasce di ascoltatori: dagli appassionati per l’elettronica, fino ai patiti dell’hard rock e prog rock, o quelli per la musica classica. La mia speranza è quella di poter rendere piacevole anche a un orecchio meno esperto un tipo di musica apparentemente elitaria, senza dover per questo prostrarmi all’andazzo generale che sta seguendo molta della musica uscita ultimamente.

4) Quali speranze hai in merito a questo tuo lavoro?
Che si diffonda certamente e possa mettermi in condizioni di lavorare con gente preparata e con strumenti migliori, nei miei prossimi dischi. Spero che comunichi molte emozioni. Per me non è altro che un punto di partenza. In questo periodo sto anche iniziando a curare l’idea di una possibile versione live, un po’ diversa da quella nel disco, ma è una cosa lunga da fare.

5) Quali sono i motivi pratici e tecnici che ti hanno spinto verso l’autoproduzione? E’ la tua prima prova da musicista “vero”; ti ha aiutato qualcuno per qualche aspetto particolare o hai curato da solo tutti gli aspetti?
Gli aspetti musicali li ho curati tutti da solo, solo nel registrare alcune parti di chitarra mi sono appoggiato ad alcuni amici, che mi assistevano nelle prove di registrazione. A tal proposito ringrazio Fabio Ricci, che è stato determinante nel suo aiuto. Poi ringrazio anche Lorenzo dal Col che, oltre ad avermi fatto il sito, mentre scrivevo i pezzi mi dava consigli su come renderli sempre più ascoltabili o su cose da eliminare. I motivi pratici e tecnici dell’essermi autoprodotto sono semplici da comprendere: non potevo avere appoggio dalle case discografiche perché non avevo curriculum, non avevo un gruppo, non avevo esperienza, non avevo conoscenze e raccomandazioni nel mondo della musica. Avevo solo idee e con quelle al giorno d’oggi non si va da nessuna parte. Forse.

6) Di solito gli artisti stanno ben attenti a non lasciarsi sfuggire i loro diritti di copyright; tu, invece, hai optato per una scelta diametralmente opposta, ossia il rilascio dell’opera sotto licenza CC. Da cosa deriva questa scelta?
Questo non è un disco fatto per guadagnare soldi, anche se mi piacerebbe indubbiamente. Uscendo così, senza garanzie, ma solo con la licenza Creative, ho meno obblighi e più rischi, però sono libero di divulgare in internet la mia musica come voglio. La speranza è che nessuno approfitti di questa mia buona fede. Poi le licenze Creative danno una flessibilità maggiore nel trattare le opere di altri per motivi artistici, cosa non secondaria.

7) E’ insolita anche la via scelta per il rilascio del tuo album visto che hai pensato ai canali di filesharing (emule e rete ed2k). Da cosa nasce questa decisione?
Libertà.  No, dai, ora che sono giovane e artisticamente libero posso ancora permettermi di prendere certe decisioni e ho fatto in modo di sfruttare tutti i canali di diffusione del web per far avere il mio disco. Sai, non avendo una distribuzione seria alle spalle, ma solo l’ausilio di un sito web, non è facile che tutti possano arrivare a scaricare il disco. Io poi sono un fedele utilizzatore del p2p, eppure i dischi continuo a comprarli. Prima li scarico e poi li compro. Credo sia la soluzione più corretta. 8 ) Non hai paura che il tuo cd possa essere rinominato e utilizzato magari per scopi diversi da quelli per cui è nato? Come ti tuteli sotto questo aspetto?
Si, ho sempre questo pensiero in mente, è un rischio reale, soprattutto se te lo fanno all’estero dove la voce del disco tarderà ad arrivare. Però il protocollo Creative Commons vieta questo tipo di cose, quindi nel caso in cui si verificasse un evento del genere tenterei di far leva su quello, che è anche riconosciuto a livello legislativo. Ma non credo che avverrà qualcosa del genere. Inoltre ci sono diverse persone che sapevano dell’uscita del disco ancora prima del due marzo.9) Progetti per il futuro?
Ho tante idee in mente che vanno dalla composizione di musiche con supporto visivo alla manipolazione completa del suono a livello elettronico. In questo senso mi piacerebbe lavorare su una chitarra sinth. Poi vorrei anche trattare la questione voce, che in questo primo disco è assente, ma su cui voglio lavorare senza rischiare di rendere banale la musica. L’idea più impellente che ho ora, invece, è organizzare delle date dopo aver preparato una versione di “Death of future Men” che valga davvero la pena di riascoltare dal vivo. Ma è una cosa lunga.

10) Altre passioni oltre alla musica?
Mi piace tantissimo giocare a calcio, anche se in televisione non lo seguo da anni perché sono disgustato da tifoserie, dirigenti e in certi casi anche giocatori. Poi adoro i film di Kubrick, le poesie di Baudelaire, sono appassionato di vampirismo e romanzi sui vampiri, mi piace scoprire nuove birre e sono appassionato anche di cultura ed archeologia della Sardegna, che è la terra in cui sono nato.

11) Cos’è internet per te, solo un contenitore di notizie o va oltre?
Internet è il paradiso e l’inferno insieme. Per me è una delle invenzioni umane potenzialmente più belle, uno scambio di informazioni continuo e incontrollabile e senza limiti di censura o pregiudizi. E’ un mezzo che alimenta scambi culturali e inter-culturali che non sarebbe possibile stabilire altrimenti. Però non deve essere neanche una scusa per isolarsi dal mondo reale e non curare i rapporti diretti con la gente. Per molti diventa infatti un rifugio dalla società esterna, cosa non positiva. La cultura la puoi conoscere tramite il web anche, le persone no, le persone per conoscerle e parlarci veramente devi guardarle in faccia, sentire il loro tono di voce, i loro gesti.

12) La tua musica preferita?
Adoro la musica classica, con particolare predilezione per i tardoromantici, gli impressionisti e gli espressionisti. Adoro il rock degli anni ‘60 e ‘70, soprattutto la psichedelia, il kraut rock ed il prog internazionale anni ‘70, Brian Eno, Robert Wyatt, Lou Reed e David Bowie. Mi piace tanto anche tutto ciò che è stato fatto di buono nel rock degli anni ‘90, dal grunge al crossover (quello di gruppi come Faith no more per intenderci), fino all’elettronica del trip hop dei Massive attack e Portishead, oppure dei Radiohead, o l’elettronica industrial di Ministry e Nine inch Nails. Poi ascolto tanto i cantautori italiani, soprattutto De Andrè e Giorgio Gaber. L’hard rock di Led Zeppelin, Guns n’ roses e Deep Purple. Queste sono alcune delle cose che ascolto di più, diciamo.

13) Tre motivi con cui invogliare chi legge ad ascoltare il tuo cd.
-Perché la musica al suo interno non è certo monotona ed è una proposta differente rispetto a quello che circola oggi.
-Perché ascoltare la mia musica è molto meglio che drogarsi: non provoca danni (credo) ed ha gli stessi effetti.
-Perché è un lavoro verso il quale ho dedicato tantissima fatica, tanta passione e credo che si percepisca anche questo nell’ascoltarlo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *